La torbiera di Danta di Cadore

La Torbiera di Danta nella Val di Ciampo ti riserverà una passeggiata in un parco boschivo selvatico di rara bellezza

Un percorso facile che grazie all’audioguida, diventa fonte di conoscenza della montagna e del raro ambiente della torbiera che ti accoglie

Il percorso in breve

  • Percorso a piedi
  • Tempo: circa 1 ora
  • Dislivello: 60 metri in circa 1200 metri di percorso
  • Adatto per tutte le età
  • Attrezzato per bambini dai 6 anni in sù– no passeggino
  • Attrezzato per pic-nic: sì
  • Ristoranti e Bar: no
  • Parcheggio: sì
  • Acqua lungo il percorso: sì ma non potabile

Tra le più belle e originali passeggiate a piedi che si possono fare in Cadore, un posto di spicco lo merita senza dubbio la Torbiera di Danta. E’ un sito naturalistico che è stato riscoperto e valorizzato di recente, grazie anche a progetti e fondi della comunità Europea, che hanno permesso la creazione di un originale percorso guidato che ti farà scoprire una parte di Bosco che ignoravi.

Cos’è una Torbiera

La torbiera è un ambiente caratterizzato da grande abbondanza d’acqua (acquitrino o palude) in movimento lento e a bassa temperatura. In tale ambiente si sviluppa una vegetazione prevalentemente erbacea tipica di luoghi umidi, muschi ma anche graminacee. Nella zona che si estende dal Gruppo delle Dolomiti di Sesto, verso la valle del Piave e racchiuso a Nord-Est dal torrente Padola e a Sud-Ovest dal torrente Ansiei, si trova una vasta zona di torbiera suddivisa in quattro aree:

  • Torbiera della Val di Ciampo
  • Torbiera della Val Mauria
  • Torbiera di Cercenà
  • Torbiera di Palù Longo
Torbiera di Danta - Val di Ciampo e le cannelle

Come raggiungere la Torbiera di Danta

Per arrivare alle Torbiere di Danta partendo da Auronzo bisogna prendere la strada che porta al Passo Sant’Antonio in direzione Padola, per poi seguire, terminati i tornanti, le indicazioni per Danta di Cadore sulla statale provinciale 6. Circa 2 km prima di arrivare al paese, sulla destra vedrai aprirsi una vallata, e troverai il parcheggio con tutte le indicazioni sul percorso.

Il viaggio a piedi parte da qui! Zaino in spalla e via…

Un Consiglio: durante il percorso delle Torbiere troverai molte zone di palude con acqua, ma non preoccuparti perché ci sono molte passerelle e ponti in legno. Il periodo più bello per affrontare questo percorso è la primavera o inizio estate quanto ammirare le numerose fioriture della Torbiera.

Quale percorso seguire alla torbiera di Danta

Arrivati al parcheggio e scesi verso l’inizio del percorso troverai un bivio. Verso destra il primo percorso, quello che attraversa la Val di Ciampo, mentre a sinistra il percorso scende attraversando la Torbiera in zona Cercenà, congiungendosi poi a Ponte Mauria con la strada comunale che dall’abitato di Danta porta alla Madonna di Monte Piedo. Questo secondo percorso è in discesa (ma poi al ritorno è tutta salita). I due tracciati li trovi indicati in verde nella piantina qui sotto.

piantina del percorso alle Torbiere di Danta
IL PERCORSO DELLA TORBIERA DI DANTA

Lungo tutto il percorso sono attive le audioguide (trovate il link alla fine) che ti consentiranno di ascoltare mentre cammini le spiegazioni della tipologia di vegetazione e ambiente che ti circonda. La torbiera è un ambiente molto importante per il bosco e soprattutto per la sopravvivenza di tantissime varietà vegetali e faunistiche che qui trovano l’ambiente ideale. Ma sono anche un ecosistema molto delicato e che per questo sono molto rare.

Entrambi i percorsi, sia quello che scende verso Cercenà, sia quello della Val di Ciampo sono semplici da seguire, e davvero molto belli.

La torbiera della Val di Ciampo

Il primo percorso che ti consigliamo di seguire è quello della Torbiera di Val di Ciampo, la più grande (13,5 ha) estesa fra i 1358 ed i 1425 m s.l.m.m., divisa in due dalla strada provinciale n. 6. Nel primo tratto è presente la vegetazione di salici lungo il Rio Cercenà, mentre nel prato si notano gli eriofori. A questo punto si entra nel bosco di Abete bianco e rosso, sbucando poi sulla torbiera. Stando sulle passerelle potrai notare infinite varietà di muschi come gli sfagni: muschi a crescita illimitata, che si sviluppano solo in presenza di acidità elevata (pH < 4.5). Se avete fortuna potete vedere anche le Drosere, piante “carnivore” vere e proprie, tipiche di luoghi torbosi.

Attraverserai anche trattoi di bosco con Abeti bianchi e rossi mentre nelle zone più aperte di prato puoi trovare il Pino Silvestre e il Ginepro

Camminando silenziosamente non è raro imbattersi in esemplari di capriolo. All’interno del bosco vedrai diverse varietà di funghi: ti raccomandiamo di non raccoglierli, come del resto non fare con tutti i fiori e piante che troverai lungo il percorso.

Cerca
danta torbiera val di ciampo

La torbiera di Cercenà

Questo è il percorso che dal parcheggio segue a sinistra e scende fino a Cercenà, attraversando boschi e ambienti torbosi che si alterneranno vino ad arrivare a Cercenà, dove ci si può sedere sulle panchine ammirando la formazione di Pino Mugo su sfagni e i numerosi uccelli che frequentano questo ambiente. Di solito presente sui ghiaioni dolomitici, il Pino Mugo vegeta anche nelle torbiere e la piana di Cercenà di Pino Mugo è uno spettacolo raro. Alcuni studiosi stanno analizzando questo particolare fenomeno e sembra, ipotesi comunque da verificare, che si tratti di esemplari geneticamente diversi.

Ancora duecento metri sulla passerella e sui tavoloni ai margini della torbiera e si arriva alla strada comunale, proseguendo poi per l’abitato di Danta.

Torbiera di Danta - Pino Mugo

Link utili:

Audioguida della Torbiera di Danta

Il sentiero delle Trobiere – Comune di Danta

Guida completa al progetto della Torbiera di Danta – pdf Regione Veneto

Bibliografia per le informazioni scientifiche

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.