Lozzo di Cadore: la roggia dei mulini lungo il rio Rin

Mulino a Lozzo di Cadore sul Rio Rin

Una passeggiata a Lozzo di Cadore, il paese dei mulini, per scoprire lungo il rio Rin, l’antica Roggia dei Mulini

Il percorso in breve

  • Percorso a piedi
  • Lunghezza: circa 1 km
  • Dislivello: pochi metri
  • Adatto per tutte le età
  • Attrezzato: per bambini dai 6 anni in sù– no passeggino
  • Attrezzato per pic-nic: sì
  • Ristoranti e Bar: sì
  • Parcheggio: sì
  • Acqua lungo il percorso: sì

Se cerchi una passeggiata semplice ma davvero originale non puoi perderti la visita alla Roggia dei Mulini di Lozzo di Cadore.

Arriva in centro a Lozzo di Cadore e parcheggia. Subito sulla piazza principale vedrai i primi cartelli turistici marroni che indicano la strada da seguire per arrivare all’inizio del percorso. Dopo qualche centinaio di metri tra piccole viuzze di montagna, con case di pietra e numerose fontanelle, che lo fanno sembrare un piccolo presepe, arriverete all’inizio del percorso.

Lozzo di Cadore è detto anche il paese dei Mulini, proprio per questa sua caratteristica storica di aver ospitato fino dai secoli scorsi numerosi mulini. Lo sfruttamento della forza dell’acqua che scendeva dal Rio Rin serviva per produrre energia elettrica e per far funzionare segherie, lanifici e macine per la farina.

La roggia dei mulini un percorso naturalistico e didattico

Il percorso è breve, e leggermente in salita, ma è davvero bellissimo. Al primo mulino sono mantenute funzionanti anche due grandi ruote di legno che sfruttano la forza dell’acqua per caduta dall’alto. Un complesso sistema di chiuse aumenta o diminuisce la velocità di flusso dell’acqua che al termine del suo percorso ritorna nel rio Rin.

Lozzo di Cadore - le ruote dei mulini
La ruota del mulino a Lozzo di Cadore
Lozzo di Cadore - camminata della roggia dei mulini

In mezzo alla roggia dei mulini si respira davvero aria di altri tempi, ma il posto è piacevole da visitare anche in una giornata calda e afosa, ed è attrezzato con panchine e un tavolo per pic-nic proprio alla fine del sentiero. Nella parte più alta vedrai anche una piccola centrale idroelettrica funzionante, nel quale vedere le turbine che trasformano la forza dell’acqua in corrente elettrica e un lavatoio come quelli di una volta. Al termine del tuo percorso puoi rientrare passeggiando tra altri viottoli di montagna davvero caratteristici e ristorarvi alle numerose fontane presenti lungo il percorso.

Terminare la passeggiata in dolcezza

Se vuoi terminare la passeggiata in dolcezza, per uscire dal paese in direzione Auronzo, appena dopo il distributore di benzina c’è il panificio di De Meio Palmira (Via Roma 136). Fa un ottimo strudel di mele che consiglio vivamente di acquistare e portare a casa.

Lo sai che…

La Roggia (in dialetto veneto anche Roia) è un canale artificiale di piccola portata costruito per dare acqua ai mulini e alle piccole centrali elettriche.

Link utili

Lozzo di Cadore – il paese dei mulini

Passeggiata sul sentiero Botanico di Tita Poa – Lozzo di Cadore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.